La natura inumana…

In quest’ultimo periodo, il nostro piccolo territorio, é stato teatro, suo malgrado, di eventi di dissesto idrogeologico che ci hanno portato alla ribalta delle cronache anche a livello nazionale. É dell’ultima settimana quella del gigantesco smottamento che ha avuto luogo a monte di Roccalbegna. 40 ettari di terra, alberi e rocce hanno deciso di lasciare il loro secolare luogo di riposo e di riversarsi lungo la via del torrente …… e da qui abbattersi sul ponte di ingresso del paese. Una marea inarrestabile che lentamente ed inesorabile continua ad avanzare. É di oggi la notizia della chiusura della strada. La lotta impari tra uomo e montagna é stata vinta da quest’ultima. Ora resta da capire cosa succederá nel breve periodo. L’accentramento dei servizi perpetrato dallo stato quali scuole, sanità e sicurezza come verrá gestito? L’accesso al paese di Roccalbegna resterà interdetto per un bel po’ di tempo. Come faranno i ragazzi di Cana, Vallerona e Santa Caterina a raggiungere le scuole elementari e medie? In caso di necessità, come potranno intervenire i Carbinieri? Questi sono alcuni degli immediati problemi a cui trovare soluzione. Per non parlare del popolo rocchigiano, isolato con il grossetano.

Popolo a cui va tutta la nostra solidarietà!

Di responsabilità, in questa vicenda, non ce ne sono. Tutti hanno fatto tutto quello che era nelle loro possibilità e disponibilità. Hanno lavorato giorno e notte e per una settimana son riusciti a garantire la normalitá. Speriamo che la vicenda trovi soluzione rapida e che la normalitá venga ripristinata.

Ritornando al titolo del post.. Era il titolo di un bellissimo articolo di Galimberti in merito ad eventi naturali di portata distruttiva. Vi invito a leggerlo: http://www.repubblica.it/2004/l/sezioni/esteri/sri/gali/gali.html

Condivido con voi alcuni scatti fatti oggi. Nelle ultime foto si vede anche il proseguire dei lavori di messa in sicurezza delle nostre amate mura.

[nggallery id=96]


[nggallery id=97]


 

 

2 commenti su “La natura inumana…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *